Alcune note pratiche per come vestirsi per andare sulle ciaspole

Dopo un pò di attività fatta con le racchette da neve si acquisisce un pochetto di furbizia ed esperienza, a mio parere per stare al meglio per una giornata di ciaspole ci vuole:

  1. Vestirsi a strati, questo è assolutamente fondamentale.
  2. Niente t-shirt di cotone, il cotone trattiene il sudore e se si rimane fermi si comincia ad avere freddo più velocemente. A contatto con la pelle vi consiglio di indossare magliette in materiale termico traspirante. Sopra mettere un pile. 
  3. Avere una giacca impermeabile e traspirante.
  4. Usare scarpe da trekking alte che proteggono la caviglia e assicurano buona stabilità nel passo. Inoltre le scarpe saranno sempre a contatto con la neve, e per mantenere i piedi asciutti devono essere impermeabili e traspiranti.
  5. Mettersi le ghette che impediscono alla neve di infilarsi nelle scarpe, bagnando calze e piedi fino a raffreddarli.
  6. Usare calze da trekking in tessuto tecnico sintetico che aderiscono al piede, evitano le vesciche e lasciano traspirare il sudore.
  7. Portare i guanti, anche se l’azione vigorosa delle braccia con i bastoncini scalda le mani dopo pochi minuti, a me non succede mai. Evitare i guanti di lana che si inzuppano.
  8. Portare un berretto e un paio di occhiali da sole. Si può anche camminare a capo scoperto, ma fermarsi con la testa sudata a 0°C non è l’ideale, e un berretto da infilare al volo è sempre utile. Stesso discorso per gli occhiali da sole: la luce e il riverbero della neve possono essere fastidiosi, se non dannosi ad altissima quota, e un paio di occhiali sportivi, con le bacchette aderenti e lenti con protezione dai raggi solari, sono sempre utili.
  9. Nello zaino mettere, anche, un thermos o una borraccia con dell’acqua o bevande calde o fredde, uno snack da sgranocchiare durante una piccola pausa, una piantina dell’area in cui si ciaspola e qualche dispositivo per la sicurezza fuoripista: se si prevede di abbandonare i percorsi segnati.
  10. Alcuni dicono no ai pantaloni da sci, ma io mi trovo bene con i miei che sono comodi e tengono caldo. Il consiglio è evitare quelli che sono più rigidi e ingombranti. Se no dotarsi pantaloni da trekking, purché siano impermeabili e traspiranti. Se si teme il freddo si possono indossare anche dei tight come quelli per correre in inverno: tengono caldo e non trattengono il sudore. Da evitare assolutamente invece jeans o pantaloni di velluto: sono anch’essi di cotone, e una volta inzuppati diventano freddi e pesanti.

Vestirsi al meglio per una ciaspolata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *