Difficoltà: E (escursionistico)

Segnavia: disco rosso pieno barrato da Megli a Redentore

due barre parallele rosse dal Redentore al Cornua

Dislivello complessivo: 1044 m

Tempi: circa 4 h

Località di partenza: Megli, dalla chiesa

Località di arrivo: Testana, dalla chiesa

Mappa del percorso

Descrizione del percorso:

Partendo dalla Salita di Megli, appena sopra a Recco, bella chiesa parrocchiale dell’omonima frazione immersa negli antichi uliveti si raggiunge, con tratti alterni tra mulattiere e stradine asfaltate, la chiesetta dell’Ascensione presso la frazione di Faveto.

OMIMG_20160624_090643

Suggestivo luogo per la presenza di lecci e cipressi d’alto fusto. Si prosegue avanti dove il cammino si alterna tra il castagneto ed i boschi di roverelle ed altre piante fino al bivio che porta al Redentore, luogo caratteristico per la presenza di tipici arbusti a macchia mediterranea.

OMIMG_20160624_091747

OMIMG_20160624_093503

Inoltre è la zona più suggestiva poiché si gode di una vista meravigliosa, che spazia su Camogli sovrastato dal Monte di Portofino ed arriva nella vallata di Sori.

OMIMG_20160624_095219

OMIMG_20160624_095711

Per arrivare al Cornua si sale, ancora, alterando macchie di arbusti e boscaglie, si impiega all’incirca due orette. Il sentiero, al momento della mia escursione, era a tratti sporco di rovi ed erba altissima.

Il monte Cornua è uno dei punti più panoramici del Golfo Paradiso permettendo una ampia vista sulla valle del torrente che disegna l’entroterra di Recco e su Camogli con il Monte di Portofino sullo sfondo, sulla vallata di Sori e sull’entroterra.

OMIMG_20160624_100658

OMIMG_20160624_101755

Da qui si gira sulla destra per prendere il sentiero che va verso Testana, una mulattiera che scende gradualmente verso il borgo. Lungo il percorso segnato d’antichi muri a secco spuntano alcuni antichi casolari, fino ad arrivare alla strada carrabile “Via Cappelletta” tra villette di nuova costruzione, edifici recuperati e moltissimi ulivi, si prosegue sempre dritto fino ad arrivare alla chiesa parrocchiale di Testana.

Da sapere:

Lungo il tragitto non si incontrano fonti d’acqua, salvo uno nei pressi di Testana, quindi vi consiglio di portarvi una bella scorta d’acqua. Altra nota da segnalare è di non praticare quest’escursione in giornate calde, fa veramente caldo.

Buona gita!!

Trekking Meglio – Cornua – Testana

4 pensieri su “Trekking Meglio – Cornua – Testana

  • 20/07/2016 alle 17:29
    Permalink

    a maggio 2016 la segnaletica c’è ed è chiarissima…la segnaletica è stata rifatta dal FIE a maggio 2016

    Rispondi
    • 21/07/2016 alle 08:58
      Permalink

      Grazie ad Andrea ho corretto il post con i segnavia corretti.

      Rispondi
  • 27/09/2016 alle 22:16
    Permalink

    Ciao, se ci fosse Open Street Map come sfondo all’intinerario, arrivati a Testana, i più ardimentosi troverebbero segnate le mulattiere per scendere a Recco a piedi.
    Bel lavoro e belle foto! Complimenti. Ciao

    Rispondi
    • 28/09/2016 alle 08:14
      Permalink

      Bella idea non ci avevo pensato, in effetti la mappa risulta più completa e con più informazioni. E grazie per i complimenti. Buona giornata.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *